Varennes, la tentata fuga di Luigi XVI di Francia: 20-21 giugno 1791

varennes-luigi-XVI

Luigi XVI e la famiglia reale a Varennes

Nella notte del 20 giugno 1791 il re di Francia Luigi XVI fugge da Parigi insieme alla regina Maria Antonietta e ai figli per raggiungere la piazzaforte monarchica di Montmédy. Dopo un giorno di viaggio, la sera del 21 giugno, a Varennes, il sovrano viene riconosciuto e costretto ad interrompere il viaggio. Successivamente lui e la sua famiglia sono riaccompagnati a Parigi. La tentata fuga di Luigi XVI rappresenta un punto di svolta per la Rivoluzione francese e ha conseguenze significative per la storia della Francia. SCOPRI LA SEZIONE FASCISMO

La pianificazione della fuga

Per i primi mesi della rivoluzione il sovrano rimane molto popolare tra i sudditi e pubblicamente sembra appoggiare i lavori dell’Assemblea nazionale. La maggior parte dei patrioti è convinta che egli sia ben intenzionato e stia operando principalmente negli interessi della nazione e non della monarchia.

Il piano di fuga viene pensato a partire dalla fine del 1790 ma sono alcuni eventi che convincono definitivamente il re a metterlo in atto: la morte di Mirabeau, un esponente moderato che ha mantenuto relazioni segrete con l’ambiente di corte, e gli avvenimenti del 18 aprile 1791, quando una folla minacciosa impedisce ai reali di lasciare il palazzo delle Tuileries per andare al castello di Saint-Cloud a celebrare le festività pasquali.

Vista la situazione Luigi XVI autorizza il proprio entourage e quella della regina Maria Antonietta ad organizzare nei minimi dettagli la fuga. Tra gli organizzatori del piano vi sono: il conte svedese Hans Alex de Fersen, l’amministratore del tesoro reale Joseph Duruey, il vescovo di Pamiers Joseph-Mathieu d’Agoult, il generale De Bouillè e il barone di Breteuil.

Il disegno consiste nel raggiungere la piazzaforte monarchica di Montmédy da dove il sovrano avrebbe potuto guidare la controrivoluzione. Il convoglio dei fuggitivi viene fatto passare per quello della baronessa di Korff, vedova di un colonnello russo che si sta recando a Francoforte con due bambini, una governante, un maggiordomo e tre domestici.

20-21 giugno 1791: fuga a Varennes

Alle ore 22,30 del 20 giugno 1791 viene attuato il piano di fuga della famiglia reale. Il gruppo dei fuggiaschi è composto da: Luigi XVI, Maria Antonietta, i due principini, la governante Louise Elisabeth de Croy, Madame Elisabeth sorella del re e tre domestici.

Ad aiutare il gruppo ad abbandonare il palazzo delle Tuileries è il conte di Fersen e prima di uscire dalla residenza Luigi XVI lascia nella sua camera un testo di 16 pagine scritto di suo pugno, intitolato “Dichiarazione a tutti i Francesi“. Con tale documento egli giustifica la sua partenza da Parigi:

“Francesi, e soprattutto voi Parigini, abitanti di una città che gli antenati di Sua Maestà si sono compiaciuti di chiamare la buona città di Parigi, diffidate dei suggestioni e delle menzogne dei vostri falsi amici, tornate al vostro Re, egli sarà sempre il vostro padre, il vostro migliore amico.

Che piacere che avrebbe di dimenticare tutte queste ingiurie personali e di ritrovarsi in mezzo a voi quando una Costituzione che egli avrà accettato liberamente farà sì che la nostra santa religione sia rispettata, che il governo sia stabilizzato in modo solido e utile, che i beni e lo stato di ciascuno non siano più turbati, che le leggi non siano più violate impunemente, e infine che la libertà sia posta su basi ferme e solide. A Parigi, li 20 giugno 1791, Luigi”.

Dopo un giorno di viaggio i fuggitivi arrivano a Varennes, una piccola cittadina situata a nord-est della Francia. Qui un semplice mastro di stazione di cambio di nome Drouet riesce a smascherare la vera identità di Luigi XVI. Le autorità locali, incredule di trovarsi di fronte il proprio sovrano, fanno alloggiare la famiglia reale in una locanda e dopo una nottata insonne decidono di interrompere il loro viaggio.

Alle 7 del 22 giugno arrivano a Varennes anche alcuni commissari dell’Assemblea nazionale che prendono in consegna i fuggiaschi e li riconducono a Parigi. La tentata fuga del re rappresenta un punto di svolta per la storia della rivoluzione e della monarchia francese ed ha, sin dall’immediato, un impatto enorme sugli eventi che seguiranno.

Fuga a Varennes, le conseguenze

I parigini rimangono sgomenti quando apprendono la notizia; per molti l’evento rappresenta un trauma poiché crolla improvvisamente la figura centrale del nuovo apparato statale, il garante degli equilibri di potere. La delusione e la rabbia si diffondono in tutto il paese.

L’Assemblea nazionale cerca disperatamente di salvare il salvabile diffondendo la notizia che il re, in realtà, sia stato rapito da agenti controrivoluzionari. Una bugia grossolana e di facciata alla quale nessuno crede.

Quando la berlina reale rientra nella capitale trova ad accoglierla una folla immensa e ammutolita; gli uomini al passaggio della carrozza tengono il proprio cappello in testa. Poco prima, infatti, è stato diramato un ordine perentorio: “Chi acclamerà il re sarà bastonato; chi lo insulterà sarà impiccato”.

Luigi XVI, però, non perde la calma neanche in questa occasione, tanto che, come annota uno dei commissari che lo scortano:

“Egli era flemmatico e tranquillo come se nulla fosse stato; sembrava che tornasse da una partita di caccia”.

Potrebbero interessarti anche...