Giorgio Perlasca: lo “Schindler italiano” che salvò 5.218 ebrei

film-giorgio-perlasca

Una scena del film “Giorgio Perlasca, un eroe italiano”

La straordinaria vicenda di Giorgio Perlasca è una di quelle storie che non ci si stanca mai di ricordare e che, soprattutto, non va dimenticata ma presa come esempio. E’ la storia di un uomo che, definito oramai da molti lo “Schindler italiano”, riuscì da solo nella Budapest occupata dai nazisti a salvare 5.218 ebrei da morte sicura fingendosi diplomatico spagnolo. SCOPRI LA SEZIONE APPROFONDIMENTI

Contesto storico: gli ebrei in Ungheria durante la guerra

Quando nel giugno 1941 l’Ungheria entra in guerra a fianco della Germania, le condizioni degli ebrei ungheresi peggiorano notevolmente. Tutti i ragazzi dai 22 anni in su sono obbligati da quel momento a prestare servizio nei “Battaglioni di lavoro”, indossando abiti civili e un collare al braccio per farsi identificare come ebrei.


Con l’occupazione tedesca del paese, nell’aprile 1944, aumentano sensibilmente le deportazioni degli ebrei verso i campi di sterminio: basti pensare che in meno di tre mesi Adolf Eichmann riesce a far partire oltre 300.000 persone.

Le Croci Frecciate al potere

Horthy, il Reggente del governo fantoccio ungherese, sempre più preoccupato dall’esito negativo del conflitto, l’11 ottobre accetta le condizioni imposte dai Russi e il 15 annuncia l’armistizio alla radio. I nazisti ungheresi, le croci frecciate, occupano la sede della radio: annunciano la deposizione di Horthy e incitano la popolazione ungherese a continuare la lotta a fianco dei Tedeschi.

In quel momento a Budapest si trovano ancora tra i 150.000 e i 160.000 ebrei ed altrettanti sopravvivono nel resto dell’Ungheria . Il 21 ottobre iniziano i rastrellamenti casa per casa degli ebrei di Budapest: molti sono impegnati in lavori disumani in città, altri organizzati in “Battaglioni di lavoro” e mandati in Germania a piedi, al freddo e senza cibo; altri inviati nei campi di sterminio, alcuni uccisi e gettati nel Danubio, altri ancora concentrati nel Ghetto a morire di stenti. Alla liberazione del paese dei 786.555 ebrei ungheresi presenti nel 1941 solo 200.000 riescono a sopravvivere.

giorgio-perlasca

Giorgio Perlasca

La storia di Giorgio Perlasca

Giorgio Perlasca nasce a Como il 31 gennaio del 1910. Dopo aver combattuto come volontario prima in Africa e successivamente in Spagna, durante la seconda guerra mondiale Perlasca lavora come diplomatico italiano nei paesi dell’Est con il compito di comprare carne per il Regio Esercito. Nell’ottobre 1944 si trova a Budapest dopo che le Croci Frecciate naziste hanno preso il potere con la forza, aumentando notevolmente le deportazioni degli ebrei verso i campi di sterminio.

Perlasca trova rifugio presso l’ambasciata spagnola

Perlasca, ricercato dai tedeschi poiché si è rifiutato nel 1943 di aderire alla Repubblica Sociale Italiana, riesce a nascondersi presso alcuni conoscenti; in seguito, grazie a un documento che aveva ricevuto al momento del congedo in Spagna (dopo la fine della guerra civile), trova rifugio presso l’Ambasciata spagnola.

Qui ottiene un regolare passaporto intestato a Jorge Perlasca, e inizia a collaborare con Sanz Briz, l’Ambasciatore spagnolo che assieme alle altre legazioni dei paesi neutrali presenti a Budapest (Svezia, Portogallo, Svizzera, Città del Vaticano) sta rilasciando salvacondotti per proteggere dalle violenze e dalle persecuzioni i cittadini ungheresi di religione ebraica.


Perlasca, il Console di Spagna

A fine novembre, però, Sanz Briz lascia Budapest per non riconoscere il governo filo-nazista di Szalasi, abbandonando, in tal modo, al loro destino tutte le persone che avevano trovato rifugio presso le case protette spagnole. Il giorno dopo, una volta venute a conoscenza della partenza di Sanz Briz, le Croci Frecciate piombano nella sede spagnola per sgomberare l’edificio.

È in questo momento che Giorgio Perlasca prende la sua decisione e con enorme coraggio grida:

“Sospendete tutto! State sbagliando! Sanz Briz si è recato a Berna per comunicare più facilmente con Madrid. La sua è una missione diplomatica importantissima. Informatevi presso il Ministero degli Esteri. Esiste una precisa nota di Sanz Briz che mi nomina suo sostituto per il periodo della sua assenza”.

I 45 giorni del Console Perlasca

Perlasca viene creduto e le operazioni di rastrellamento sono sospese. La mattina successiva su carta intestata e con timbri autentici compila personalmente la sua nomina a rappresentante diplomatico spagnolo e la presenta al Ministero degli Esteri. Hanno da qui inizio i 45 giorni in cui Perlasca, attraverso quotidiane trattative con il Governo Ungherese e le autorità tedesche di occupazione, riesce a proteggere e sfamare migliaia di ebrei, tutelandoli dalle frequenti incursioni delle Croci Frecciate. Armato soltanto di intelligenza e coraggio, rischiando quotidianamente la vita, salva dalla deportazione e dalla morte 5218 persone.

Giusto tra le Nazioni

giorgio-perlasca

Giorgio Perlasca

Tornato in Italia Perlasca non racconta nulla a nessuno e la sua straordinaria storia di altruismo e solidarietà rimane sconosciuta fino alla fine degli anni ottanta, quando due donne da lui salvate riescono a rintracciarlo e si recano a Padova per incontrarlo. Una volta divulgata la vicenda Perlasca riceve numerose medaglie e riconoscimenti.


Il 23 settembre 1989 viene insignito da Israele del riconoscimento di Giusto tra le Nazioni. Al museo Yad Vashem di Gerusalemme è stato piantato un albero a lui intitolato e anche a Budapest, nel cortile della Sinagoga, il suo nome appare in una lapide che riporta l’elenco dei giusti. Perlasca muore a Padova il 15 agosto del 1992, all’età di ottantadue anni.

Giorgio Perlasca, un eroe italiano

L’incredibile vicenda di Giorgio Perlasca è stata egregiamente divulgata al grande pubblico attraverso il film per la tv “Perlasca. Un eroe italiano”, andato in onda su Rai1 nel 2002.

Il film, diretto da Alberto Negrin, con sceneggiatura di Enrico Deaglio autore del libro biografico su Perlasca intitolato “La banalità del bene”, vede nei panni dell’eroe italiano uno straordinario Luca Zingaretti. Compongono il cast altri interpreti noti al pubblico italiano come: Franco Castellano, Amanda Sandrelli, Marco Bonini e Christiane Filangieri.

Luca Zingaretti ha di recente affermato nel documentario “Giorgio Perlasca, un diplomatico impostore”:

“Ci sono dei personaggi che ti rimangono dentro. Giorgio Perlasca è un di quei personaggi che mi ha insegnato tanto. Se me lo riproponessero adesso lo rifarei di corsa”.

Le profonde melodie composte da Ennio Morricone per il lungometraggio contribuiscono, in maniera incisiva, a rendere ancora più coinvolgenti ed emozionanti i drammatici episodi rappresentati sullo schermo. Il film, che offre una ricostruzione accurata e dettagliata dell’intera vicenda, è visibile in streaming su RaiPlay.

Nel link di seguito i primi sette minuti del film.

Perlasca, un eroe italiano

Sito consultato e suggerito per ulteriori approfondimenti GiorgioPerlasca.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *